Gao Brothers - video ritratto

The Gao Brothers Video Portraits


“The Gao Brothers Video Portrait - Chapter I”

Diretto da Davide Sebastian
Colonna sonora originale: Federico Ferretti – Dj Stile
Starring: Gao Zhen – Gao Qiang
Riprese e montaggio: Davide Sebastian

 

“The Gao Brothers Video Portrait - Chapter II”

Diretto da Davide Sebastian
Colonna sonora originale: Federico Ferretti – Dj Stile
Starring: Gao Zhen – Gao Qiang – Fabiano Lioi
Riprese e montaggio: Davide Sebastian

 

Fotogrammi dal video “The Gao Brothers Video Portrait - Chapter I”. cm 22×33 stampa digitale su plexiglass

 

Fotogrammi dal video “The Gao Brothers Video Portrait - Chapter II”. cm 22×33 stampa digitale su plexiglass

 

“THE GAO BROTHERS VIDEO-PORTRAITS”

Testo critico a cura di Michela Di Stefano

Superare il limite della cornice per sconfinare nel tempo fluido e animato della vita.
E’ questo l’elemento che trasforma un semplice ritratto in un video-ritratto, una registrazione filmica che, oltre al carattere biografico dell’esistenza, include anche quello biologico della natura. Dove la prima si rispecchia nella seconda e viceversa, in una visione micro e macro che mostra l’interdipendenza presente tra ogni elemento esistente.
Ecco allora che il viso diventa la superficie sensibile che registra emozioni. Stati d’animo. Pensieri che scorrono veloci come nuvole nel cielo. E allo stesso tempo il cielo, assieme alla terra, diventa un campo carico di tensioni, di energie e suoni. Vibrazioni che fluiscono nello spazio animando anche ciò che normalmente sembrerebbe non avere vita. Come un sasso posato al suolo che, con la sua forma ancestrale di uovo, simboleggia il cosmo intero e la sua nascita. Il principio di tutto.
Ed è infatti con questa immagine che Davide Sebastian decide d’iniziare il primo dei suoi video-ritratti, dove attraverso la lente d’ingrandimento della sua videocamera, trasmette la visione ravvicinata del famoso duo di artisti. L’uno di fronte all’altro. Diversi anche se simili, separati ma inseparabili. Una condizione duale e paradossale che accomuna loro come tutti noi esseri umani. L’incontro e lo scambio di un dono semplice come quel sasso a forma di uovo, diventa un’azione che ci racconta che se è vero che si nasce soli è però solo attraverso l’altro che si arriva ad avere coscienza delle proprie origini. Del proprio destino.
Un significato questo reso ancora più evidente dal luogo che Sebastian ha scelto per ambientare i suoi video. Un’antica vasca per irrigare i campi, un luogo incavato e protetto che sembra richiamare la figura archetipica della grotta che, nelle antiche tradizioni dell’Estremo Oriente, simboleggiava il luogo della nascita. L’immagine del centro, dell’utero materno dal quale prende forma la vita. Una vita che si mostra infinitamente varia e che spesso ci caratterizza con delle diversità difficili da accettare. L’abbraccio diventa allora un gesto rivoluzionario, la capacità dell’uomo di comunicare attraverso l’amore. Simbolo di quel cerchio che non ha né inizio né fine. L’universo infinito e il ciclo della vita che si ripete di continuo. 

Leave a Comment

Let us know your thoughts on this post but remember to place nicely folks!