Archive for September, 2010

BTS 900 al Festarte Video Art Festival

festarte_t

http://www.festarte.it/blog/

 

ROMA 15 – 18 SETTEMBRE 2010 – MACRO Testaccio,

La Pelanda, Museo d’Arte Contemporanea Roma

Piazza Orazio Giustiniani, 4

 

III Concorso Internazionale

VIOLENZA INVISIBILE

privata | pubblica | sociale

 

Quattro giorni dedicati alla videoarte internazionale con spazi di discussione e ricerca, performance e musica.

In mostra le opere finaliste del concorso in 3 categorie: in Concorso (che concorrono al Premio della Giuria), Selezionate/Fuori Concorso e Menzioni Speciali (che concorrono ai premi della Critica e del Pubblico).

 

Inoltre, 2 salottini – Spazio Monitor – presenteranno un elenco alfabetico multimediale consultabile dei video in mostra e di oltre 150 pervenuti al Concorso

 

Lo spazio Special Guest è dedicato al noto artista olandese Erwin Olaf con 2 sue opere video: Dusk (2009) & Dawn (2010), per gentile concessione del Netherlands Media Art Institute.

 

Hanno partecipato al concorso di video arte dal tema “VIOLENZA INVISIBILE – privata, pubblica, sociale” artisti provenienti da 60 paesi del mondo. Numeri significativi per un tema complesso ed importante: una conferma della diffusione e utilizzo della videoarte oggi.

 

 

CALENDARIO

Mercoledì 15 settembre ore 21,00-24,00 OPENING / VERNISSAGE

Giovedì 16 e 17 settembre ore 19,00 – 20,30 Aperitif talk

Sabato 18 settembre ore 21,00 – 1,00 FESTA DI PREMIAZIONE E FINISSAGE

 

Orario apertura mostra

16 e 17 settembre: 16,00-24,00

18 settembre: 16,00 – 1,00

Misticanza 2010

misticanza-X-sito_t

3/4/5 Settembre Misticanza 2010

 

http://www.misticanza.com/

 

Cosa accade nel momento in cui un insieme di suoni, di colori, di odori e di forme entrano in contatto epidermico con un luogo storicamente e culturalmente determinato?

Quando un ambiente diviene contemporaneamente l’involucro concettuale ed il supporto fisico dell’intervento artistico?

Dal dialogo e dalla contaminazione tra innesti contemporanei e forme architettoniche e paesaggistiche preesistenti, nasce e prende corpo questo evento culturale.

Il territorio di San Casciano dei Bagni, oltre ad accogliere e ad avvolgere dentro la propria cornice medievale varie forme espressive e comunicative come: video, fotografia, mapping, istallazioni e pittura, è stato il punto di partenza per l’elaborazione e la progettazione di ogni singola opera presente all’interno di questa manifestazione.

L’osservazione e l’ascolto delle peculiarità strutturali del borgo, il dialogo con le persone che lo abitano e il rapporto con la sua storia pregressa è stata la premessa critica e metodologica per lo sviluppo dell’intero progetto.